MISSION E CODICE DI CONDOTTA

La nostra Mission è quella di continuare ad essere uno dei principali fornitori mondiali di macchinari per il controllo qualità alimentare. Continuare ad essere innovativi nel fornire la soluzioni tecnologiche più avanzate, flessibili in creare sistemi personalizzati, affidabili nel garantire una qualità e un servizio di altissimo livello.

Abbiamo adottato il codice di condotta del Gruppo ATS, di cui facciamo parte dal 2021, che illustra i principi generali a cui si ispirano lo svolgimento e la conduzione delle attività della nostra azienda, come trasparenza, correttezza e lealtà.

Il codice di condotta indica gli obiettivi e i valori dell’attività d’impresa, con riferimento alle parti con le quali ci troviamo quotidianamente a interagire, quali, ad esempio, fornitori, clienti e personale.

Per noi di Raytec è essenziale condividere questa visione etica, esprimendo con chiarezza i nostri principi, valori e responsabilità comuni. Desideriamo farlo in particolare con tutti coloro che, operando per conto della nostra società o intrattenendo con essa relazioni d’affari, sono chiamati al rispetto dei principi e delle prescrizioni contenute nel Codice stesso.

MODELLO 231 DI RAYTEC

Nello svolgimento delle nostre attività ci ispiriamo da sempre al rispetto di profondi valori, nel convincimento che il successo imprenditoriale non debba essere disgiunto da una conduzione etica e socialmente responsabile degli affari.

Il D.Lgs. 231/2001 ha introdotto nell’ordinamento italiano la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni. In particolare, questa norma ha introdotto la responsabilità penale delle società per alcuni reati commessi nell’interesse o a vantaggio delle stesse da:

  • Persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell’ente o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale
  • Persone che esercitano, anche di fatto, la gestione e il controllo dello stesso
  • Persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno dei soggetti sopra indicati.

In data 21 giugno 2021, come Raytec Vision SpA abbiamo adottato un modello di organizzazione, gestione e controllo (“Modello”) ai sensi del D.Lgs. 231/2001, con lo scopo di creare un sistema strutturato e organico di procedure e attività di controllo preventivo, avente come obiettivo la prevenzione dei reati mediante l’individuazione delle attività esposte a rischio di illecito e la loro conseguente proceduralizzazione.

L’adozione e l’efficace attuazione del Modello ci consentono non solo di poter beneficiare dell’esimente dalla responsabilità, prevista dal D.Lgs. 231/01, ma anche di sensibilizzare costantemente tutti coloro che operano in nome e per conto di Raytec Vision SpA in merito al corretto modo di agire e di perseguire il miglioramento continuo della corporate governance e, più in generale, dell’organizzazione aziendale.

WHISTLEBLOWING – INVIO DELLE SEGNALAZIONI

Lo whistleblowing è uno strumento che ha lo scopo di prevenire comportamenti illeciti attuati all’interno di aziende pubbliche o private. Il termine whistleblowing indica la denuncia di violazioni o irregolarità che si sono verificate sul luogo di lavoro.

In conformità con le disposizioni del Decreto Legislativo 24/2023 contenente l’”Implementazione della Direttiva (UE) 2019/1937 del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 Ottobre 2019, relativa alla protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione e protezione delle persone che segnalano violazioni delle disposizioni normative nazionali” e del Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del Decreto legislativo n° 231 del 2001 adottato da Raytec S.p.A. (“Raytec” o la “Società”), la Società ha intrapreso i passi necessari per adottare un sistema idoneo per la gestione delle segnalazioni di violazioni verificatesi sul luogo di lavoro.

Per le segnalazioni di cui sopra, la Società mette a disposizione due specifici canali di trasmissione:

• La piattaforma web “Report It Channel”, messa a disposizione dalla Società capogruppo ATS CORPORATION e raggiungibile al link https://www.reportit.net

• canali di comunicazione locali specifici:

(i) posta tradizionale indirizzata alla sede principale di Raytec, tramite lettera riservata all’attenzione dell’Organo di Vigilanza;

(i) incontrando personalmente l’Organo di Vigilanza, inviando richiesta tramite email all’indirizzo:  raytec.odv@raytecvision.com.

Raytec garantisce la ricezione, l’analisi e il trattamento delle segnalazioni trasmesse da coloro che sono autorizzati a fare una segnalazione di whistleblowing, ossia dipendenti della Società, collaboratori, freelancer o consulenti che collaborano con la Società, tirocinanti e volontari, dirigenti e azionisti e membri degli organi aziendali (Consiglio di Amministrazione, Collegio sindacale, ecc.).

Raytec, per promuovere la cosiddetta “cultura dello whistleblowing”, accetta di ricevere e gestire segnalazioni presentate anche in forma riservata o anonima.

Le segnalazioni possono riguardare violazioni afferenti:

– il Codice di condotta globale del Gruppo ATS di cui la Società è parte;

– azioni illecite rispetto agli atti dell’Unione Europa relativi a: appalti pubblici; servizi finanziari; prodotti e mercati e prevenzione del riciclaggio di denaro sporco e finanziamento al terrorismo; sicurezza e conformità dei prodotti; sicurezza dei trasporti; tutela ambientale; protezione dalle radiazioni e sicurezza nucleare; sicurezza alimentare e salute e benessere degli animali; salute pubblica; tutela del consumatore; privacy e protezione dei dati personali; sicurezza di reti e sistemi informatici;

– atti od omissioni che hanno una ricaduta sugli interessi finanziari dell’Unione Europea;

– atti od omissioni relativi al mercato interno dell’Unione Europea (per esempio: violazioni delle regole su concorrenza e aiuti di Stato);

– atti o comportamenti che danneggiano l’oggetto o lo scopo delle disposizioni contenute in atti dell’Unione Europea;

– il Modello 231 di Raytec e le politiche e le procedure aziendali correlate.

In conformità con la normativa sopra indicata, Raytec adotta tutte le misure necessarie volte a tutelare la riservatezza dell’identità del segnalante (whistleblower). Inoltre, la Società impone l’assoluto divieto di rappresaglie o azioni discriminatorie, diretti o indiretti, nei confronti del whistleblower e dei c.d. facilitatori per ragioni direttamente o indirettamente connesse alla segnalazione di whistleblowing, prevedendo sanzioni contro chiunque violi tali misure protettive.

Per maggiori informazioni, leggere la “Policy Whistleblowing – Procedura Segnalazioni” specificatamente predisposta dalla Società, disponibile al seguente link all’estratto Procedura, dove sono riportate tutte le informazioni utili al Segnalante in merito alla normativa whistleblowing e ai canali a sua disposizione.

NOTA: Si può utilizzare il presente link esclusivamente ai fini previsti.